VIAGGIATORI DELLA MENTE
Livello di informazione: elementare
Condotto da: Patrizia Terreno
Orari
Sabato: h. 10:00 - 19:00
Domenica: h. 9:00 - 18:00
Per informazioni ed iscrizioni
clicca qui

in VIDEOCONFERENZA 7-8 NOVEMBRE

LO SCOPO DELLE RELAZIONI

Quando incontri qualcuno, ricorda che è un incontro santo.
Come vedrai lui, così vedrai te stesso. Come tratterai lui così tratterai te stesso.
Come penserai di lui, così penserai di te stesso.
Non dimenticarlo mai, poiché in lui troverai o perderai te stesso.
(T.8.III.4:1-5)

Descrizione corso

Questo è il seminario introduttivo alla teoria delle relazioni.

Dopo il seminario sulla metafisica - che ci ha aiutato a impostare correttamente lo studio del Corso comprendendone il linguaggio e le basi teoriche- e dopo il seminario sul perdono - in cui abbiamo appreso praticamente quel processo di disfacimento dell’ego che il corso definisce “perdono” - cercheremo adesso di guardare l’ambito nel quale svolgere tale applicazione pratica: le mille e mille relazioni che la nostra mente intrattiene con i molteplici aspetti di cui è intessuta la nostra vita.

Basandoci nuovamente sullo scenario metafisico proposto dal Corso stesso, vedremo come tutte le relazioni, indipendentemente dalla forma che assumono, rientrano sempre e soltanto in una delle due fondamentali categorie mentali: la specialezza e la santità. Partendo dunque da tale contesto passeremo a considerare sia la genesi che i principali aspetti delle due categorie.

Per quanto riguarda la specialezza (e quindi le relazioni speciali d’odio e d’amore) affronteremo pertanto i temi della colpa, della collera, del sacrificio, della comunicazione sbagliata, dell’importanza data al corpo, e dei circoli viziosi colpa-attacco e attacco-difesa che stritolano le nostre relazioni in una morsa distruttiva e autodistruttiva. Per quanto riguarda la santità (e quindi le relazioni sante) affronteremo invece i temi del perdono, dell’istante santo e della fede che ci liberano dalla prigionia dell’ego aprendo un futuro di pace e armonia nella nostra vita interiore. Ci soffermeremo in particolare sull’istante santo: cos’è, quali sono i suoi vari aspetti, come si pratica.

Tutta l’esposizione sarà inquadrata in un tema che nel Corso è fondamentale: lo scopo che sottende tutte le nostre scelte e quindi tutte le relazioni. L’indagine sullo scopo dovrebbe essere il punto di partenza del processo correttivo proposto dal Corso (T-24.VII.6:1-2). Allineandoci alla sua impostazione, vedremo come e perché il cambio di scopo dalla specialezza alla santità determina la trasformazione delle relazioni.

Impareremo ad attuare praticamente questo cambiamento, aprendoci insieme alla guarigione interiore delle relazioni e all’avanzamento spirituale proposto dal Corso.